FSE, un amaro rientro – Giovani Democratici Terra di Bari

Comunicati

Published on settembre 14th, 2016 | by Daniele Bellomo

0

FSE, un amaro rientro

Purtroppo, ancora una volta siamo costretti a parlare di inefficienza sul Trasporto Pubblico della Terra di Bari. Un amaro rientro per i pendolari del sud est e della Valle d’Itria che si sono ritrovati a non aver più treni. Non solo le perturbazioni di questo weekend hanno causato disagi sulla dorsale adriatica, specialmente sulla Bari-Lecce (Trenitalia), nella tratta Ostuni-S.Vito dei Normanni, con ritardi e soppressioni di treni. Questa volta tocca alle Ferrovie del Sud-Est (FSE) che a seguito dell’ispezione di Agosto dell’Usif, l’ufficio ministeriale che vigilia sulla sicurezza sui binari, ha visto sospendere dalla circolazione 25 su 29 convogli in dotazione alle FSE. Si tratta degli ATR 220 costruiti dalla Polacca Pesa. Motivo della sospensione : eccessiva ed anomala usura delle ruote e dei carrelli. La Filben , società d’intermediazione che ha venduto i treni a FSE e che ha in appalto anche la loro manutenzione, comunica di aver già a suo tempo inoltrato una circolare per informare dalla casa madre alla compagnia ferroviaria dell’anomala usura. Nel frattempo le FSE hanno predisposto un servizio di bus sostitutivi per diminuire i disagi. Prontamente i nostri consiglieri regionali PD si sono espressi sull’argomento e soprattutto Giacomo Polignano, portavoce regionale PD , che ha commentato : “Per anni trasporto su rotaie ha accumulato in Puglia ritardi, inefficienze e scelte gestionali perlomeno discutibili. Ora che gli organismi di controllo e l’opinione pubblica hanno messo l’intero comparto sotto i riflettori, pare che molti nodi stiano venendo al pettine. Questo è un bene. Non è assolutamente accettabile, invece, che le conseguenze della malagestione siano pagate dell’utenza, con episodi di improvvisa e pressoché generalizzata interruzione del servizio o di conclamato disservizio. Per questo alle istituzioni regionali e a quelle nazionali chiediamo di operare sinergicamente e con decisione, affinché si appronti, nel più breve tempo possibile, un piano che consenta di superare le emergenze manifestatesi nella giornata dell’8 settembre e, nel contempo, si gettino le basi per un effettivo rilancio del trasporto su rotaia in tutto il territorio regionale”. In effetti qualcosa si è mosso ; Trenitalia, prossima al completamento dell’acquisizione di FSE, ha predisposto 4 convogli a Diesel e per tamponare verranno messe in circolazione le carrozze Silberling ferme in deposito. L’assessorato regionale ai trasporti fa sapere che la situazione sarà normalizzata entro due settimane onde evitare la paralisi. Ancora una volta a farne le spese sono i pendolari che quotidianamente usufruiscono dei treni FSE e con l’imminente inizio dell’Anno Scolastico il problema sarà ancor più sentito. Strascichi della passata gestione pesano su quello che già mesi fa annunciavamo con euforia, come uno dei momenti storici del trasporto pubblico pugliese, l’acquisizione di FSE da parte di Ferrovie dello Stato. E’ vero, la sicurezza prima di tutto e su questo non ci piove, ma i dirigenti FSE e soprattutto i tecnici devono restare sempre vigili e a conoscenza dello stato del parco mezzi. Noi Giovani Democratici Terra di Bari faremo altrettanto con la forza dei nostri militanti del sud-est barese che ogni giorno ci segnalano e ci segnaleranno disagi e sconforto . Non staremo lì a guardare . Lavoreremo a fianco del Partito Democratico e dei nostri amministratori regionali fornendo supporto e disponibilità affinché episodi del genere vengano lasciati alla spalle.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Daniele Bellomo
Resp. Sviluppo territoriale e Trasporti dei GD Terra di Bari

Tags: , , , ,




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑